Tutti i detersivi agiscono efficacemente anche a basse temperature. L’utilizzo di alte temperature risulta essere spesso uno spreco di acqua ed elettricità. Occorre lavare i capi con una temperatura appropriata, è possibile risparmiare fino al 50% di energia usando cicli di lavaggio a 40° C. Inoltre basse temperature e la giusta dose di detersivo, riducono la migrazione del colore dai tessuti,  non danneggiano le fibre e non inquinano l’ambiente.

Verificare le schede tecniche della lavatrice e seguire le istruzioni di carico in base al programma scelto. Alternare i capi di piccole dimensioni con quelli più grandi e utilizzare la giusta quantità di detersivo, poiché dosi elevate peggiorano la qualità del lavaggio, oltre che a danneggiare i capi e la lavatrice stessa. Per evitare che i bottoni saltino via durante il lavaggio, gira i capi al rovescio e abbottonali.

Durante il lavaggio i tessuti nuovi potrebbero rilasciare colore, pertanto si consiglia la prima volta di lavarli separatamente ad una temperatura inferiore a 40°C.

Come prima cosa si consiglia di verificare le informazioni riportate in etichetta, in modo tale da poter fare una distinzione per temperatura di lavaggio e tipologia di tessuto. Separare i capi scuri da quelli chiari mettendo insieme quelli dello stesso colore che richiedono la medesima temperatura di lavaggio.

Se si usano dosi inferiori di prodotto, i capi tendono a logorarsi prima, ad indurire, ad assumere sgradevoli odori ed a perdere elasticità. Al contrario, le dosi eccessive si sedimentano nei capi e, una volta asciutti, lasciano aloni visibili soprattutto sugli abiti scuri. In soggetti predisposti, possono creare allergie.
Le quantità consigliate evitano la formazione di depositi di calcare su indumenti e nella lavatrice.

Se non si è a conoscenza della durezza dell’acqua, si consiglia di rivolgersi all’ente gestore. I dati per contattare l’azienda idrica sono facilmente reperibili sulla bolletta dell’acqua o su internet.

Per durezza si intende la quantità di calcare disciolto in un litro di acqua e si misura in gradi Francesi. È un dato importante per stabilire la dose di detersivo da utilizzare in base alle indicazioni riportate sulla confezione. Gli ioni (calcio e magnesio) presenti nell’acqua influiscono sul lavaggio. Maggiore è la durezza dell’acqua, più alta sarà la dose di detersivo necessario per ottenere un lavaggio soddisfacente in termini di pulizia ed igiene. Al contrario, per un’acqua dolce (bassa durezza) sarà richiesta una dose minore di detersivo.

L’eccessivo uso di detersivo non ne aumenta l’efficacia, al contrario, scarse dosi possono non essere sufficienti per la completa rimozione dello sporco. Su ogni confezione di detersivo a mano e in lavatrice è riportata la tabella per consentire al consumatore di stabilire facilmente la dose necessaria per ogni tipo di lavaggio. La scelta del dosaggio dipende da tre fattori: dal grado di sporcizia dei tessuti, dalla durezza dell’acqua e dalla quantità del bucato.